LA BAMBINA DI CARTA

la bambina di carta erasmus theatre

Lingua: Italiana
Genere: prosa con musiche di scena
Durata: 55 min.
Temi trattati: La piaga sociale dei matrimoni infantili, i diritti dell’infanzia, rapporto tra islam e occidente.
Materiale didattico: approfondimenti

NOTE DI REGIA

Produzione: MAG

Testo e regia: Flavio Marigliani

Cast: Valeria Nardella, Roberto Santi, Fabio Vasco

Roma, 2018. À’isha è nata in Yemen, dove ha vissuto fino al compimento dei suoi dodici anni. Oggi, a trent’anni, è una donna emancipata, sicura di sé: ha una brillante carriera, è una scrittrice e giornalista affermata, ma c’è qualcosa nel suo passato che la differenzia dalle sue coetanee. À’isha è stata una sposa bambina: venduta dalla sua famiglia ad un uomo molto più grande di lei, per difficoltà economiche. Una bambina che ha conosciuto troppo presto il rigido ruolo di moglie che la società le imponeva: la sua posizione subalterna, la sua “inferiorità” nei confronti dell’uomo. À’isha, però, è riuscita a salvarsi: è stata sottratta dalle mani del suo sposo/padrone, e, grazie all’interessamento e al lavoro delle società umanitarie, ha trovato in Italia la sua seconda possibilità.

À’isha ha deciso di raccontare la sua storia: ha deciso di pubblicare un libro, una autobiografia che dia voce alle spose bambine e possa essere di esempio per le altre vittime di una prassi matrimoniale alla quale è sottoposto, ancora oggi, un gran numero di yemenite. Uscire allo scoperto, però, non è così facile. À’isha si scontra subito con l’ipocrisia e il pregiudizio della società occidentale, rappresentata in scena dalla figura di un giornalista, che vuole vedere in lei la vittima di un sistema religioso e di una cultura considerata, a torto, arretrata e pericolosa. Ma À’isha deve anche fare i conti con i fantasmi del passato, con il ricordo del marito e del periodo trascorso con lui, con due mondi, quello Medio-Orientale e quello Occidentale, che fanno del corpo delle donne, e nel caso specifico delle bambine, il campo di battaglia delle proprie ideologie.

Prendendo spunto dalla vicenda di Nojoud Ali, sposa bambina yemenita che a soli 10 anni trovò il coraggio e la forza di chiedere il divorzio da un uomo più grande di lei che i genitori avevano costretto a sposare, e da altre notizie di stampa estera e italiane, lo spettacolo La bambina di carta, vuole essere innanzitutto un’opera di sensibilizzazione nei confronti di un controverso tema ancora largamente ignorato in occidente, ma che, con il crescente flusso migratorio, è diventato una realtà anche nei paesi europei; vuole essere, inoltre, una riflessione più ampia sulla libertà della donna, sul suo ruolo, sia nelle società mediorientali, sia nella società occidentale, al fine di stimolare un dibattito più consapevole per smontare le ipocrisie e i pregiudizi che inquinano la discussione su temi così delicati e fondamentali.

UN ASSAGGIO DE "LA BAMBINA DI CARTA"

TRAILER DE "LA BAMBINA DI CARTA"

TRAILER #2 DE "LA BAMBINA DI CARTA"

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

 

I contenuti di questa pagina sono riservati agli iscritti della piattaforma Erasmus Digital Theatre. Abbonati anche tu per visualizzarli!

Se sei un’istituzione scolastica, clicca qui.

Se sei un privato, clicca qui.