Erasmus Theatre

A Christmas Carol: Dickens a teatro per te con Erasmus Theatre

A Christmas Carol Dickens a teatro con Erasmus Theatre nello spettacolo musicale

Lingua: Inglese
Genere: spettacolo musicale
Durata: 75 minuti + incontro con i protagonisti
Temi trattati: solidarietà, amore, magia del Natale, piacere nel fare del bene.
Destinatari del progetto: istituti secondari di primo e secondo grado
Costo del percorso didattico: 14 € (gratuità per docenti e diversamente abili)

Sfoglia la nostra Stage Guide

Quest’anno festeggiamo il Natale con te e con i tuoi studenti perché questo è un anno speciale:

Erasmus Theatre compie 20 anni!!! 

Oltre a scegliere un classico di Dickens, includiamo in questo spettacolo musicale,

  • alcuni brani suonati dal vivo,
  • testi proiettati sul maxi schermo e,
  • la possibilità di cantare all together (presto, nel materiale didattico, ti forniremo anche le tracce musicali!). 

Infatti, trattandosi di uno spettacolo interattivo, potrai intonare le canzoni previste nel copione con il cast di attori madrelingua che ogni anno scegliamo per ogni singolo spettacolo considerando le loro personali propensioni e talenti. 

Gli effetti speciali, poi, faranno la loro parte. 

Chi ha visto The Canterville Ghost firmato Erasmus Theatre sa già cosa intendiamo per ‘ambienti spettrali’, ma vorremmo superarci. 

Ci riusciremo? Vieni a scoprirlo! Ti aspettiamo tra neve e fantasmi. :p 

Fatte le dovute premesse, passiamo al nocciolo della questione: perché abbiamo scelto A Christmas Carol per te? 

È nato prima il personaggio di Scrooge o il nome “Scrooge” è nato dalla lingua inglese? Quindi è nata prima la gallina o…? :p 

Su britannica.com scopriamo che ‘scrooge’ viene dal personaggio di Charles Dickens e indica “a selfish and unfriendly person who is not willing to spend or give away money”.

Eppure, a sua volta, fu lo stesso Dickens ad attingere dalla sua lingua. Nei vocabolari del XVIII, ‘scrooge’ appare come una variante del termine scrouge, un sinonimo di ‘squeeze’ che vuol dire “spremere”, “schiacciare”, “estorcere”, ideale per descrivere il protagonista di quest’opera.

Questo, però, è solo uno dei suoi “pregi”: oltre ad essere tirchio, è un soggetto piuttosto burbero e freddo.

Un burbero senza speranze?

Of course not.

Infatti Dickens sembra voler suggerire l’esatto contrario. Il cambiamento è possibile, e ad ogni età.

Nell’inno natalizio o canto di gioia (carol) più famoso della letteratura occidentale, questo cambiamento si sviluppa in 5 tappe, quelle che Dickens, in quest’opera, chiama staves (in ambito poetico, ‘stanze’. Al singolare, ‘pentagramma’).

Li ripercorriamo in maniera super sintetica con te. 

Stave One: Marley’s Ghost: “Non fare come me”. 

Stave Two: The First of the Three Spirits, ovvero lo Spirito del Natale Passato, per ricordare quei comportamenti del passato che ci facevano stare bene;  

Stave Three: The Second of the Three Spirits (ovvero lo Spirito del Natale del Presente), con cui Scrooge visita le aree più sfortunate della Londra a lui contemporanea, tanto visibili agli occhi di tutti come al riparo dalle intemperie. 

In questo viaggio surreale, Scrooge scopre che Bob Cratchit, il suo impiegato, ha un figlio (il piccolo Tiny Tim). Sebbene sia protetto dall’amore dei suoi cari, il bambino è minacciato dalla mancanza di risorse. La sua salute è cagionevole e la povertà non aiuta. 

Questa scoperta porta Scrooge a sviluppare una nuova consapevolezza, di una parte di sé e di una parte del mondo che lo circonda e che ignora. Ha intorno persone di cui non sa nulla e che, a causa della sua avarizia, corrono seri pericoli. 

Qui inizierà un’adozione figurativa che diventerà reale alla fine del racconto.

Stave Four: The Last of the Spirits “Christmas yet to come” (trad. lett. “il Natale che deve ancora venire”). Molto simile all’immagine della Morte, questo spirito indica a Scrooge cosa lo aspetterebbe se tutto restasse com’è. 

La sua tomba trascurata dimostra che a nessuno importa della sua morte. Gli attaccamenti materiali valgono ben poco rispetto alla morte.

Stave Five: The End of It, dove il cambiamento, oltre ad essere necessario, può avvenire a qualsiasi età, in barba a tutte le limitazioni che la società sembra imporre a tal riguardo. 

Stave Six: contattaci al 0832205560 per ricevere tutte le info di cui hai bisogno!

Anche per i nostri registi, A Christmas Carol sfida le leggi del tempo, continuando a risuonare profondamente con il pubblico di tutto il mondo. 

Stimolante e commovente, edificante e divertente, il Canto di Natale di Dickens mescola la realtà degli umani a quella dei fantasmi del Natale, tenendo sullo sfondo l’Inghilterra vittoriana.

Per riprodurre quest’ultima a teatro, bisogna prestare un’attenzione meticolosa alla scenografia e all’illuminazione

Ad esempio, un’ampia struttura di fondo ritraente il mondo dell’epoca è fatta di più livelli per aggiungere profondità alle scene.

Il palco sarà un parco giochi dinamico per i nostri attori, con scene minime per garantire transizioni rapide mentre i personaggi percorrono le strade e le case della città.

La musica gioca un ruolo cruciale: un gran numero di cori saranno accompagnati da canti, balli e da una musica appositamente registrata, mentre i canti natalizi verranno eseguiti dal vivo dal nostro cast di attori, incorporando fisarmonica e percussioni dal vivo.

La partecipazione e l’interazione del pubblico sono vitali per George ed Edwyn!

I due registi hanno idee interessanti per rendere gli studenti parte del processo della narrazione. I nostri attori si muoveranno tra il pubblico, creando un’esperienza coinvolgente, con l’opportunità per gli studenti di unirsi all’azione sul palco, soprattutto durante il finale.

Oltre a queste note di regia, i registi hanno realizzato per te e per i tuoi studenti una presentazione video in inglese! Enjoy it!

Il fondatore del “romanzo sociale” 

Dickens può essere considerato il fondatore del “romanzo sociale” vista l’attenzione nutrita verso le condizioni dei ceti sociali più poveri. 

Egli stesso, dopo l’arresto del padre, si è ritrovato a lavorare presso una fabbrica di lucido per scarpe con soli 12 anni. Un’esperienza davvero impattante nella vita di una persona, vero? 

Le lunghe night walks

 

In Night Walks, Dickens descrive le sue lunghe passeggiate notturne in giro per Londra, dando vita alle immagini che poi avrebbero alimentato le sue storie.   

Dickens restituisce una lettura realistica della società variegata e crudele della sua epoca. Eppure risulta ancora molto attuale, considerando anche la sua capacità di sondare e descrivere le mille sfaccettature dell’animo umano.

La Full Motion Capture della versione disneyana 

Nella versione disneyana, sfruttando la tecnica del Full Motion Capture, Jim Carrey interpreta Scrooge (per ogni età del personaggio) e i tre spiriti del Natale. In pratica, recita accanto a sé stesso! 

Dello stesso Dickens si narra che, durante le letture delle sue opere, si comportasse come un’intera compagnia teatrale; riusciva ad interpretare tutti i personaggi delle sue opere lasciando l’audience incredula. 

Pare che la platea trattenesse il respiro quando impersonava i panni di Scrooge: si incurvava tutto, cambiando la voce e sembrando davvero…molto scrooge

3 versioni de A Christmas Carol che potrebbero piacerti 

Nel film Dickens – L’uomo che inventò il Natale (2017), il mitico Dan Stevens veste i panni di Charles Dickens. Si tratta dello stesso attore che interpreta la bestia nella versione disneyana de La Belle et la Bête! (link scheda opera francese).

Guardandolo, seguirai l’intero processo creativo che porta alla nascita dell’opera (e all’ideazione del nome “Scrooge”, tra espressioni facciali e versi sonori vari). Consigliatissimo! 

Imperdibile è la combo Michael Caine/Muppets in The Muppet Christmas Carol (1992). Se invece sei in vena di cartoni animati, segnaliamo Scrooge – A Christmas Carol, un cartone animato in stile musical del 2022. Dato interessante: in questa versione, un personaggio burbero come Scrooge ha un cane! 😀

Ultima curiosità, ma non per importanza: sai che contattandoci al numero 0832205560 riceverai altre info? 

All right, let’s recap!

Cosa vorrà dire assistere al nostro spettacolo musicale A Christmas Carol firmato Erasmus Theatre:

  • spettacolo musicale che include
  • alcune canzoni interpretate dal vivo 
  • sottotitoli dell’opera proiettati sul maxi schermo 
  • Schede didattiche da scaricare che includeranno giochi ed esercizi basati sui contenuti del copione 

Il nostro Team Creativo:

Regia e Testi: George Evans & Edwyin James
Musiche: Manufunk Pagliara
Costumi: Pamela Paperini 
Direzione artistica e Scenografie: Roberto Cesarone
Direzione tecnica: Sergio Cacciatore

Direzione tecnica

Contattaci al 0832205560 per ricevere altre info e resta aggiornato sulle nostre attività su Facebook e Instagram!

Despite being nearly 200 years old, A Christmas Carol continues to resonate deeply with audiences around the world. It is a true Christmas story that remains thought-provoking and moving while also being uplifting and fun. The themes of redemption, forgiveness, poverty, charity, love, happiness, family, and class are as relevant today as they were in Dickens’ time. 

Our adaptation follows the journey of the heartless and mean-spirited Scrooge. Set against the backdrop of Victorian London’s poverty, it is a tale of redemption as Scrooge strives to save his soul before the clock strikes twelve on Christmas Eve. With Dickens’ rich tapestry of characters and intricate storylines, our challenge was not what to include but what to leave out. We have focused on keeping the characters that make this story enduringly relevant, including the ghosts of Christmas Past, Present, and Future, the Cratchits, and, of course, Scrooge. 

Creating the world of Victorian England on stage requires meticulous attention to set design and lighting. Our set features a large backdrop structure that paints the era’s world, with multiple levels to add depth to the scenes. The stage will be a dynamic playground for our actors, with minimal set pieces to ensure swift transitions as characters navigate the city’s streets and homes.

Music plays a crucial role in our production with big chorus numbers featuring upbeat singing and dancing set to specially recorded music and live carols and songs performed by our cast of actors, incorporating live accordion and percussion. 

We aim for a production that moves quickly and excitingly, with seamless scene changes and transitions. Audience participation and interaction are vital to us, and we have many exciting ideas to make students part of the storytelling process. Our actors will move among the audience, creating an immersive experience, with opportunities for students to join the action on stage, especially during the finale.

We are excited to bring this beloved story to life and hope you enjoy this magical journey of A Christmas Carol as much as we have enjoyed creating it.

Edwyn and George

Il percorso formativo di Erasmus Theatre in inglese
I moduli

Primo Modulo

Introduzione all’opera A Christmas Carol da parte dei registi.

Secondo Modulo

Lettura del copione scritto di A Christmas Carol e comprensione del testo.

Disponibile, SU RICHIESTA del docente, copione in Italiano per docenti.

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

Terzo Modulo

Ascolto dell’audio copione di A Christmas Carol

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

0:00 / 0:00
Traccia 1
Traccia 2
Traccia 3
Traccia 4
Traccia 5
Traccia 6

Quarto Modulo

Visione dal vivo della Commedia Musicale A Christmas Carol in inglese

Durata: 75 min + incontro con gli attori

*In casi particolari e per specifiche ragioni scolastiche, lo spettacolo potrà essere disponibile anche on-line. In tal caso sarà necessario prenotarlo telefonicamente presso i nostri uffici.

Quinto Modulo

Esame conclusivo attraverso schede didattiche di A Christmas Carol.

Le soluzioni verranno inviate al docente contestualmente alla prenotazione.

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

Sesto Modulo

Tre lezioni tenute da NICK TRUMBLE (vocal coach inglese).

Questo modulo esaminerà una serie di difficoltà affrontate da coloro la cui prima lingua non è l’inglese quando cercano di assumere un accento inglese standard.

Gli accenti regionali del Regno Unito

Studio approfondito dei dialetti parlati nel Regno Unito

I dialetti moderni