Erasmus Theatre

L’industria della moda in Darán que vestir: il Fast Fashion a teatro con Erasmus Theatre

Lo spettacolo in spagnolo di Erasmus Theatre per la stagione 2024-2025

Lingua: Spagnola
Genere: spettacolo musicale
Durata: 75 minuti + incontro con i protagonisti
Temi trattati: Fast fashion, ecologia, cambiamenti climatici, rieducazione al consumo, combattere la fast fashion.
Destinatari del progetto: istituti secondari di primo e secondo grado
Costo del percorso didattico: 13 € (gratuità per docenti e diversamente abili)

Sfoglia la nostra Stage Guide

PROGETTO FINANZIATO DALL'UNIONE EUROPEA - NEXT GENERATION EU

PNRR decreto direttoriale N61 dell’11/04/2023
Prot. Progetto tocc0004590 cor 16236305 cup C37J23001710008

Che ci fanno 40.000 tonnellate di indumenti usati e nuovi in Cile, tra le dune del deserto di Atacama?

Fatti perlopiù di materiali sintetici, questi vestiti possono impiegare fino a 200 anni per degradarsi e i roghi volti a smaltirli disperdono nell’aria sostanze tossiche.

Prendendo di qui una nuova consapevolezza, siamo partiti per un viaggio che ci ha portati alla creazione di Darán que vestir, uno spettacolo concepito interamente in spagnolo per la stagione teatrale 2024-2025

Centrato sull’industria della moda, Darán que vestir mette in luce alcune sue dinamiche attuali, tra inquinamento ambientale  e intelligenza artificiale.  

La giovane modella Eva e il cyborg B.A. ti porteranno a compiere profonde riflessioni 

in modo leggero e divertente

  • sulla fast fashion,
  • sul pianeta Terra
  • sulla nostra società.

Che temi impegnativi, vero? Non sarà un po’ troppo pesante?

Un linguaggio semplice e diretto,

una messa in scena accattivante,

ricca di canzoni e intermezzi musicali 

daranno alle tematiche sopra elencate un tocco di leggerezza. 

D’altronde è così che ci piace affrontare anche gli argomenti più seri. 

Certo, le luci a basso consumo per ridurre al minimo lo spreco di energia saranno d’obbligo! 

Il riciclo, invece, è per noi una realtà concreta da sempre: è nostra abitudine, infatti, sfruttare, modificare o rimettere a nuovo mobili, oggetti e vestiti di seconda mano per creare le nostre scenografie e i nostri costumi. 

E adesso…?

E adesso immergiti con noi nei prossimi paragrafi, perché capiremo

  • quali sono i temi principali relativi al fast fashion e all’inquinamento ambientale;
  • Le note di regia, ovvero il punto di vista di Flavio Marigliani;
  • Alcune curiosità sul mondo della moda. 

Il tutto solo dopo aver risposto alla domanda più importante: 

¿De qué va la obra?

Partendo dalle dune del deserto di Atacama, compiamo un viaggio nel nostro presente, passato e immaginabile futuro attraverso gli occhi di Eva, una giovane modella che è stata selezionata per partecipare al grande evento di moda dell’anno, l’Annual Fashion Week

Durante quest’evento, verranno presentate le nuove tendenze. Finalmente si prospetta per lei l’opportunità di diventare la celebrità che ha sempre sognato di essere. 

Durante i preparativi per l’importante sfilata, Eva incontrerà B.A., un cyborg creato dall’Intelligenza Artificiale e programmato per creare nuovi design della Fast Fashion. 

BA è stato programmato sulla base degli algoritmi social e delle statistiche dell’economia gestita dai grandi titani della moda nel mondo, per produrre più di cinquanta nuovi modelli al giorno.

Attraverso gli occhi di Eva seguiremo il processo e il glamour del mondo della moda, l’impatto che avrà su di lei e il futuro che la attende.

Nei prossimi paragrafi, avremo modo di riflettere sul greenwashing e su altre dinamiche dell’attuale industria della moda, per capire a pieno il desiderio di affrontarle in un’opera teatrale. 

Forse, durante la lettura, ti è nata una irresistibile voglia di contattarci, di’ la verità! 😀 Clicca sul 0832205560, siamo qui per rispondere ad ogni tua domanda!

1. Fast Fashion e Impatti Ambientali – Quanto inquina l’industria della moda?

  • L’industria della moda a basso costo inizia nel 1700 con negozi di abbigliamento economico. La rivoluzione industriale e la macchina da cucire riducono i costi, aumentando la produzione.
  • Durante la seconda guerra mondiale, il razionamento e l’uso di fibre sintetiche come il nylon influenzano lo stile. H&M nasce nel 1947…
  • …ma è Zara nel 1975 a rivoluzionare il settore con abiti di tendenza a prezzi bassi. Inditex, la holding di Zara, espande questo modello a livello globale, consolidando il Fast Fashion…
  • …che esplode nel 2000 quando diverse aziende del settore iniziano a produrre un numero sempre maggiore di collezioni a costi stracciati.
  • Secondo uno studio di Greenpeace Germania, dal 2000 al 2014 il consumatore medio ha acquistato il 60% in più di capi ogni anno e la loro durata si è dimezzata rispetto a 15 anni fa.
  • Si è passati da sole 4 a ben 52 collezioni l’anno (quindi ad una micro collezione alla settimana).
  • La produzione delle fibre sintetiche (come i più comuni nylon e poliestere) viene generata da grandi quantità di petrolio e provoca nell’aria l’emissione di particolati sospesi e acidi gassosi come il cloruro d’idrogeno, che a sua volta genera problemi respiratori.
  • Le microplastiche inquinano diverse fonti d’acqua, come fiumi, mari e falde acquifere

2. Greenwashing e Consapevolezza  – Alcune ambiguità su consumo e produzione sostenibile

Quando un’azienda sostiene di avere un atteggiamento e una politica responsabile verso l’ambiente senza adottare politiche realmente sostenibili, si parla di greenwashing.

Con greenwashing, infatti, altro non è che una pratica di marketing ingannevole che un’azienda adotta per 

  • dare un’immagine pubblica che risulti eco-friendly;
  • attrarre consumatori attenti all’ambiente.

Alcuni marchi del Fast Fashion, ad esempio, dispongono di una cesta dedicata agli indumenti destinati al riciclo e propongono incentivi sull’acquisto dei vestiti realizzati tramite il riciclo stesso, però c’è un “però”

tali indumenti provengono davvero da vestiti di seconda mano? 

Purtroppo affermare che un determinato capo sia stato ricavato dal riciclo di poliestere permette alle aziende produttrici di essere evasive sugli oggetti da cui quel poliestere è tratto, negando la trasparenza che dovrebbero garantire.

I consumatori, spesso, si sentono “giustificati” a comprare quel capo, perché convinti di intaccare il meno possibile la salute del pianeta Terra. 

Per approfondire tematiche relative al mondo del Fast Fashion e della produzione di rifiuti tessili in generale, ti consigliamo di sondare il canale YouTube DW Documental. Qui, grazie ad una serie di documentari doppiati in lingua spagnola, abbiamo scoperto etichette e molto altro! 

Dopo aver approfondito il tema, ti manca solo un ultimo step: venire a teatro con noi con noi dal 17 febbraio al 9 aprile 2025!

3. Shopping Compulsivo e Dipendenze

  • Lo shopping compulsivo è un comportamento caratterizzato dall’impulso incontrollabile e ripetitivo a fare acquisti, spesso di beni non necessari, come mezzo per alleviare stress, ansia o altre emozioni negative. 

È anche nota anche come oniomania, dal greco onéomai (‘comprare’) e mania.

In psicologia, la sindrome da acquisto compulsivo – in spagnolo, trastorno de compras compulsivas (TCC) – è riconosciuto come un comportamento che può portare a 

  • problemi finanziari, 
  • conflitti personali e 
  • sentimenti di colpa o vergogna.

4. Sfruttamento e Normative Internazionali

Con Darán que vestir, vogliamo stimolare riflessioni anche su 

  • lo sfruttamento dei lavoratori dei paesi poveri;
  • la necessità di creare norme che garantiscano i loro interessi. 

5. Consapevolezza a teatro 

Attraverso una storia moderna romanzata come quella che racconteremo nello spettacolo Darán que vestir, porteremo a teatro un pezzettino della nostra consapevolezza sui temi trattati sino a questo momento.

Dietro i nostri gesti quotidiani ci sono mondi paralleli, a volte nemmeno troppo distanti. Osservali con noi a teatro!

La moda ha una storia piuttosto lunga, ma se ti interessa sapere come si è evoluta dal XVI secolo ad oggi puoi approfittare di un viaggetto a Madrid per visitare il Museo del Traje

Nel frattempo, proseguiamo con il nostro “viaggetto” nel mondo della moda intravedendo uno spiraglio di speranza:

app come Vinted e Wallapop permettono di riutilizzare il più possibile capi e accessori; inoltre aumenta la ricerca di materiali naturali da riciclare.

Ne abbiamo alcuni anche “sopra gli occhi”: a dircelo è la tendenza – a dir poco insolita – creata da Zsofia Kollar.

Giunti sin qui, vogliamo salutarti con 9 tips para conseguir un armario minimalista, un video del canale YouTube di Paula Simple che aiuta a guardare il proprio armadio sotto una nuova lente. 

Entonces… ¡Recapitulemos!

Cosa troverai nello spettacolo Darán que vestir firmato Erasmus Theatre?

  • Una storia nata dall’amore per l’ambiente
  • Uno spettacolo interamente concepito in lingua spagnola
  • Canzoni e intermezzi musicali 
  • Schede didattiche da scaricare che includeranno giochi ed esercizi basati sui contenuti del copione 

Accompagnaci in questo viaggio, tra musica, recitazione e amore per l’ambiente! 

Contattaci al 0832205560 per ricevere altre info e resta aggiornato sulle nostre attività su Facebook e Instagram!

Dopo aver diretto per noi La Leyenda del Zorro, Flavio Marigliani torna a collaborare con Erasmus Theatre dirigendo per noi lo spettacolo in spagnolo Darán que vestir.

Il lavoro di Flavio come attore e regista teatrale è di ampio respiro. Con la sua compagnia, infatti, lavora tra Italia, Inghilterra, Francia, Grecia e Spagna. 

Siamo felici di accoglierlo ancora, proponendo ai tuoi studenti un lavoro che vada oltre la pratica di ascolto della lingua spagnola

  • una commedia musicale
  • un’opera inedita
  • uno spettacolo capace di stimolare delle riflessioni sul mondo che ci circonda.

“Por eso hemos elegido abordar el tema de la contaminación y el impacto ambiental de la industria de la moda, porque es un mundo que los chicos siguen y que ofrece modelos de comportamiento en los que se inspiran”, dice Flavio. 

Un altro aspetto importante è spingere studenti di varie età ad andare oltre l’apparenza e oltre l’estetica

Per Flavio, questo spettacolo deve rappresentare un’occasione di scambio e divertimento collettivo, “perché la migliore forma di apprendimento passa attraverso il divertimento e l’impegno emotivo”. 

Attraverso gli occhi di Eva, seguiremo il processo e il “glamour” del mondo della moda, l’impatto che produrrà e il futuro che attende la società. 

Questa è una breve sintesi in italiano del suo pensiero, ma puoi leggere la Note di regia che Flavio ha scritto in spagnolo per te.

Hola a todos, soy Flavio Marigliani, director de la obra Darán que vestir. Trabajo como actor y director de teatro con mi propia compañía y con colaboraciones internacionales en varios países de Europa, como Italia, Inglaterra, Francia, Grecia y por supuesto España. 

Mi colaboración con Erasmus Theatre empieza en 2020 con la obra “La Leyenda del Zorro”, que hemos vuelto a proponer en la temporada 2023-2024 con un nuevo reparto. Para esta temporada hemos pensado en una obra original, que pueda involucrar a los estudiantes tratando temas importantes y contemporáneos con un lenguaje sencillo y directo; con una puesta en escena cautivadora, moderna y llena de canciones y momentos musicales. 

La obra está ambientada en un futuro no muy lejano en el que la inteligencia artificial desempeña un papel importante en los sistemas de producción. El espectáculo muestra el mundo de la moda con sus contradicciones y problemas. La protagonista, una joven modelo, es el personaje que seguiremos en el descubrimiento de este mundo, un mundo que seguramente fascinará a los estudiantes. 

Gracias a su recorrido los estudiantes podrán descubrir y darse cuenta de los daños de la moda rápida y el daño causado al medio ambiente por el uso de materiales no naturales y no reciclables en la fabricación de la ropa. Obviamente, dada la ambientación de la obra, la puesta en escena dará mucha importancia al aspecto visual, a los trajes, a las coreografías, a los movimientos de escena. 

Otro aspecto importante es empujar a los niños a ir más allá de las apariencias y la estética para descubrir valores más profundos y duraderos. Nos interesa que esta experiencia teatral no sea solo una forma de practicar la lengua española, sino también una ocasión para reflexionar sobre problemas contemporáneos del mundo en el que viven y en el que participan los chicos. Por eso hemos elegido abordar el tema de la contaminación y el impacto ambiental de la industria de la moda, porque es un mundo que los chicos siguen y que ofrece modelos de comportamiento en los que se inspiran. 

Pero más allá de todo, el teatro y este espectáculo, deben ser una oportunidad para el intercambio colectivo y la diversión, porque la mejor forma de aprendizaje pasa a través de la diversión y el compromiso emocional.

Luego os esperamos con Erasmus Theatre en el teatro con nuestra comedia musical Darán que vestir, obra inédita, original, moderna y capaz de estimular una reflexión sobre el mundo que nos rodea.

Hasta pronto!

Flavio Marigliani

Il percorso formativo di Erasmus Theatre in spagnolo
I moduli

Primo Modulo

Introduzione all’opera Darán Que Vestir

Secondo Modulo

Lettura del copione scritto di Darán Que Vestir e comprensione del testo.

Disponibile, SU RICHIESTA del docente, copione in Italiano per docenti.

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

Terzo Modulo

Ascolto dell’audio copione di Darán Que Vestir

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

0:00 / 0:00
Traccia 1
Traccia 2
Traccia 3
Traccia 4
Traccia 5
Traccia 6

Quarto Modulo

Visione dal vivo della Commedia Musicale Darán Que Vestir in spagnolo

Durata: 75 min + incontro con gli attori

*In casi particolari e per specifiche ragioni scolastiche, lo spettacolo potrà essere disponibile anche on-line. In tal caso sarà necessario prenotarlo telefonicamente presso i nostri uffici.

Quinto Modulo

Esame conclusivo attraverso schede didattiche di Darán Que Vestir.

Le soluzioni verranno inviate al docente contestualmente alla prenotazione.

DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2024

Sesto Modulo

Tre lezioni di approfondimento tenute da TERESA LORETO (attrice teatrale e televisiva spagnola) della durata di 20min + 40min. di esercitazione in classe ognuna.

Durata tot: 3h

Fonetica e suoni speciali delle parole

Parole false amiche

La dizione e gli errori più frequenti quando si parla spagnolo