Vai al contenuto

Fra gli i incontri più strani di Elvis Presley, quello con il presidente Richard Nixon. Il politico disse al cantante: “Ti vesti in maniera un po’ strana, non credi?” e Presley rispose: “Beh, signor Presidente, lei deve tenere in piedi il suo show e io il mio”.

Siamo alla fine del 1970.
Elvis Presley è tornato da poco più di un anno ad esibirsi dal vivo, con un grandioso concerto a Las Vegas.
Nei 10 anni precedenti aveva dovuto rispettare una serie di contratti cinematografici, che gli avevano solamente procurato, a livello personale, grande insoddisfazione e nervosismo, e nell’ultimo periodo avevano iniziato a manifestarsi anche a livello fisico, con malesseri e febbre molto alta.
Nel 1968, tramite lo spettacolo che è ricordato con il nome di ” ’68 Comeback Special”, dà prova, se qualcuno ne avesse avuto il dubbio, di possedere ancora la grinta che l’aveva reso famoso, in uno spettacolo che lo mostra come un leone al quale è stata aperta la gabbia, al massimo delle sue possibilità.
Se questa era la strada intrapresa da Elvis Presley a livello lavorativo, quella a livello personale si era concretizzata nel matrimonio con Priscilla Beaulieu, avvenuto il 01 Maggio 1967, e la nascita della figlia Lisa Marie il 01 Febbraio 1968.
Inoltre aveva iniziato a coltivare interesse per ciò che riguardava le armi da fuoco, le forze dell’ordine e i distintivi, di cui faceva collezione.
Questo suo ultimo interesse in particolare, unito all’amore per la sua patria e alla voglia di dare una mano e partecipare all’ordine nelle strade del suo Paese, lo spinsero a tentare un incontro con il Presidente degli Stati Uniti d’America.

L’evento, che si sarebbe concluso con l’incontro alla Casa Bianca tra il Re del rock’n’roll e il Presidente degli Stati Uniti d’America Richard Nixon, inizia con la consegna alla residenza presidenziale, fatta personalmente da Elvis Presley, di una lettera di 6 pagine scritta di suo pugno, su carta intestata della compagnia aerea America Airlines. E’ il 21 Dicembre 1970.

La lettera recitava così:

TESTO ORIGINALE INGLESE:
Dear Mr. President,
First, I would like to introduce myself. I am Elvis Presley and admire you and have great respect for your office. I talked to Vice President Agnew in Palm Springs three weeks ago and expressed my concern for our country. The drug culture, the hippie elements, the SDS, Black Panthers, etc. do NOT consider me as their enemy or as they call it The Establishment. I call it America and I love it. Sir, I can and will be of any service that I can to help The Country out. I have no concern or Motives other than helping the country out. So I wish not to be given a title or an appointed position. I can and will do more good if I were made a Federal Agent at Large and I will help out by doing it my way through my communications with people of all ages. First and foremost, I am an entertainer, but all I need is the Federal credentials. I am on this plane with Senator George Murphy and we have been discussing the problems that our country is faced with. Sir, I am staying at the Washington Hotel, Room 505-506-507. I have two men who work with me by the name of Jerry Schilling and Sonny West. I am registered under the name of Jon Burrows. I will be here for as long as it takes to get the credentials of a Federal Agent. I have done an in-depth study of drug abuse and Communist brainwashing techniques and I am right in the middle of the whole thing where I can and will do the most good. I am Glad to help just so long as it is kept very Private. You can have your staff or whomever call me anytime today, tonight, or tomorrow. I was nominated this coming year one of America’s Ten Most Outstanding Young Men. That will be in January 18 in my home town of Memphis, Tennessee. I am sending you the short autobiography about myself so you can better understand this approach. I would love to meet you just to say hello if you’re not too busy.

Respectfully, Elvis Presley

P. S. I believe that you, Sir, were one of the Top Ten Outstanding Men of America also.I have a personal gift for you which I would like to present to you and you can accept it or I will keep it for you until you can take it.

Condivi

Lascia un commento